adesione Richiedi Adesione

I migliori prodotti della terra

NewsFood e TerritorioL'occhio dell'espertoMarketing e ComunicazioneAnnunci

TORNA ALL'ELENCO

Comitato di redazione

P.I.U. Su.Pr.Eme., opportunità per le aziende della Piana del Sele


Anche nella Piana del Sele importante investimento per la Lotta al caporalato grazie ad un partenariato d’eccezione che vede come Capofila il Consorzio La Rada insieme a Mestieri Campania, Arci Salerno, Tertium Millennium scs, Il Sentiero scs, Acli Salerno e CSC scs.

P.I.U. Su.Pr.Eme. (Percorsi Individualizzati di Uscita dallo Sfruttamento) è un progetto che mira a realizzare un'azione di sistema interregionale mettendo in atto delle misure indirizzate all'integrazione socio-lavorativa dei migranti come prevenzione e contrasto allo sfruttamento del lavoro in agricoltura.

Il progetto indirizzato, per la provincia di Salerno, al territorio della Piana del Sele, si inserisce nell'ambito del Piano Triennale di contrasto allo sfruttamento lavorativo in agricoltura e al caporalato promosso dalla DG Immigrazione del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali. 

METODO

  1. Networking e approccio multistakeholder per qualificare la rete delle competenze degli operatori pubblici e privati coinvolti.
  2. Coordinamento univoco e Punto Unico di Accesso ai servizi per assicurare prestazioni coerenti con le dimensioni interculturali dei cittadini dei Paesi Terzi (Poli diffusi nei paesi della Piana del Sele);
  3. Interventi multidisciplinari per rispondere in modo efficace alla complessità e multifattorialità dei bisogni dei destinatari;
  4. Piani di Azione personalizzati e flessibili per progettare con ogni singola persona il percorso più adatto alle proprie esigenze.

AZIONI

1) GOVERNANCE:

Attivazione di un ecosistema territoriale di supporto alla gestione di programmi complessi, capaci di rispondere in maniera personalizzata ai bisogni dei destinatari in ambito sociale, sanitario, lavorativo e abitativo.

2) SERVIZI:

  • Agevolazione e accompagnamento nell'acceso alle prestazioni attraverso l’istituzione di una rete di sportelli di informazione, orientamento e presa in carico e la realizzazione di interventi di prossimità e outreaching nei luoghi di vita e di lavoro (Poli Territoriali).
  • Traduzione di documenti, attestati e certificati, supporto linguistico durante i colloqui, accompagnamento ai servizi sanitari, comunali, questura e prefettura
  • Biciclette, taxi sociale, abbonamenti ai trasporti pubblici, navetta da e per i luoghi di lavoro
  • Tamponi, greenpass, prenotazione del vaccino, accompagnamento presso ospedali e ambulatori dell’ASL
  • Orientamento abitativo, ricerca dell’abitazione, assistenza alla stipula del contratto, garanzie e assicurazioni
  • Laboratori culturali, ricreativi e sportivi con le associazioni del territorio, assemblee con la cittadinanza, incontri con gli enti pubblici, associazioni datoriali e sindacati
  • Consulenza, rinnovo del permesso di soggiorno, domande di emersione, ricongiungimenti familiari, orientamento ai servizi di tutela per il lavoro
  • Gestione di attività info/formative, di tirocinio e di accompagnamento dei destinatari ai servizi per il lavoro.

3) EMERSIONE E INSERIMENTO LAVORATIVO:

  • Sviluppo di Piani di Azione Individuale per l'emersione, l'integrazione lavorativa e l'accompagnamento all'autonomia, a partire dalle esigenze molteplici ed eterogenee dei destinatari.
  • Promozione della partecipazione degli stessi a percorsi di ricerca attiva del lavoro.
  • Attivazione di percorsi di qualificazione/riqualificazione dei lavoratori
  • Attivazione di strumenti efficaci di raccordo tra domanda e offerta.

Il gruppo di operatori, orientatori, avvocati e mediatori culturali possono informare sui diritti, offrire GRATUITAMENTE il sostegno di cui hanno bisogno o accompagnare presso gli altri servizi del territorio.

4) IMPRENDITORIALITA’

Avvio di nuove realtà imprenditoriali sostenibili, etiche e di qualità da parte dei destinatari attraverso l’accompagnamento e l’erogazione di contributi alle start up

AZIENDE

Coinvolgimento attivo delle associazioni datoriali e delle aziende del territorio coinvolto.

Premiare e mettere in evidenza le aziende che lavorano nella legalità creando una rete virtuosa che esclude la figura del caporale e che metta in contatto diretto il lavoratore e l’impresa in modalità sia formali che informali (job cafè).

I risultati attesi sono importanti ma non impossibili:

  • 1000 persone di Paesi Terzi coinvolte in azioni di informazione e orientamento
  • 400 persone di Paesi Terzi coinvolte in percorsi di inserimento socio-lavorativo
  • Piani di azione locale e reti territoriali per la prevenzione e il contrasto del caporalato
  • Nascita di nuove realtà imprenditoriali
  • marchio etico
  • migliori condizioni di occupabilità dei destinatari
  • maggiore opportunità di matching tra domanda e offerta di lavoro
  • poli sociali per l'orientamento all'accesso ai servizi territoriali
  • soluzioni alloggiative dignitose e adeguate
  • sviluppo di modelli di governance innovativi, efficaci e sostenibili, anche attraverso iniziative di capacity building e partenariati pubblico-privati.

Per informazioni:
Mestieri Campania s.c.s – via Madonna di Fatima, 21 84129 Salerno tel. 089/723744  mail: checchero@mestiericampania.com

Autore: MTN Company

Sei un'azienda agricola o un piccolo produttore locale della Campania?

Ora puoi vendere online i tuoi prodotti, senza costi né canoni mensili.

SCOPRI COME ADERIRE

Iscriviti alla newsletter

Ricevi informazioni sulle novità e le offerte speciali.